Dipinti Pietro Dell'Aversana

"Benvenuti Nel Mio Atelier"

Artista Pietro Dell’Aversana cenni critici- Hanno scritto della sua Arte

“Silenti messaggi naturalistici colmano la visione dell’osservatore dei suoi dipinti. Pietro Dell’Aversana e’ un pittore che nei lunghi anni di attivita’ artistica, e’ riuscito malgrado le tendenze avanguardiste del contemporaneo a restare legato al linguaggio storico del figurativo. La tavolozza di Pietro Dell’Aversana e’ essenzialmente sobria ma incisiva allo stesso tempo, toni accesi e ben accostati, colmano la quinta scenica del dipinto, trasportando cosi’ l’osservatore in un meraviglioso viaggio alla scoperta di vecchi valori ormai dimenticati”.                                             Dott. Alessandra Rossetti critico D’Arte. 

 “Un artista che riesce ad affrontare con coraggio e preparazione ogni tipo di soluzione. Pietro Dell’Aversana con la sua pittura che scorre con la massima facilita’, dalla paesaggistica al ritratto e alla natura morta, usando tecniche come dipinti e disegni. Affida la sua pittura ad intuizioni, ricordi, fantasia ed emozioni, con una figurazione misurata e ben composta. Con la sua pittura riesce ad amalgamare bene i colori di una ricca tavolozza, interpretando tutte le sue opere con tonalita’ adeguate ed esaltando la natura con evocazione poetica. E’ una poesia naturale fatta di suoni e colori della natura, di parole colte nell’aria che seguono i battiti del cuore che l’artista riesce a trasmettere come una confessione intellettuale”.                                                                                                 Dott. Elena Cicchetti critico D’Arte

 “Le reali visioni dettate dal filtro creativo dell’artista Pietro Dell’Aversana, ci descrivono remoti paesaggi impressionisti, ormai sfuggenti all’uomo contemporaneo. Il compito dell’artista e’ nel saper immortalare l’attimo sfuggente con pura sintesi descrittiva, sia nei contenuti plastici, sia nella prospettiva primaria del dipinto. Lo spirito pittorico dell’impressionista Pietro Dell’Aversana, ci rivela con sobria gestualita’ e maestria cromatica, reconditi messaggi poetici, riuscendo a far echeggiare di silenti emozioni i nostri assopiti sensi visivi. Un artista dunque Pietro Dell’Aversana che percorre la sua strada, nel folto panorama artistico, discostandosi da mode e linguaggi informali, restando fedele al “Touche du Maìtre”. Il tratto e’ puro e decisamente non contaminato da toni inappropriati, la sintesi formale descrittiva oltrepassa sicuramente i canoni accademici, concentrando largamente gli impulsi gestuali della sua creativita’ e dando sfogo di estro pittorico con la sua variopinta tavolozza, nel rendere scorrevole la visione raffigurata”. Dott. Jean Charles Spina’ critico D’Arte- Galleria Italia- Premio Biennale Art Museum Venezia 2013- opera premiata “Paesaggio autunnale”

Dell’Aversana e’ un artista la cui pittura ha il dono di essere visione gaia della natura delle cose. Il reale, il paesaggio, e’ trattato con tono gioviale, tale da raccogliere il soffio della vita nelle cose, il colore e’ disteso senza scarti bruschi, tono su tono e il cromatismo fiero regge la composizione in maniera magistrale. Dott. Sandro Serradifalco- EA EDITORE- Enciclopedia d’Arte Contemporanea- 2013

“Un omaggio a Giuseppe Verdi nel 150esimo anniversario dell’Unita’ d’Italia. E’ giusto ricordare e celebrare cosi’ la ricorrenza storica, e l’artista Pietro Dell’Aversana coglie nell’intensita’ dell’espressione del compositore, tutto l’orgoglio nazionale di allora. La musica come la pittura, e’ testimone dei tempi e nella raffinata composizione di Pietro Dell’Aversana, vi e’ tutto il rigore stilistico del grande musicista. Molte le sue presenze in prestigiose mostre personali e collettive a livello nazionale, che ne testimoniano un percorso prestigioso e ricco di riconoscimenti”.           Dott. Guido Folco storico e critico D’Arte, Museo MIIT- Torino- Italia Arte Edizioni  

 “La pittura di Pietro Dell’Aversana non si pone limiti, in quanto e’ ingrado di affrontare con la massima facilita’ sia il ritratto, la paesaggistica e la natura morta, con colori vivaci che rendono in tutta evidenza la natura da cui derivano”. Dott. Giorgio Tarantino critico D’Arte- Edizioni il Quadrato Milano

 “Una pittura senza tempo che rappresenta una natura cruda selvaggia della campagna lombarda, colori caldi e freddi si alternano caratterizzati da un tocco vivo, veloce, accennato che crea un ritmo fresco e brioso. Colta e sapiente la pittura dell’artista Pietro Dell’Aversana senza tempo, ci riporta in un mondo incontaminato dove ancora si riesce ad apprezzare la natura, lontano dai frastuoni del mondo contemporaneo”.                                       Dott. Valeria Modica- Galleria MAMO Milano

Rosate notizie ; ottobre 2008.  Personale di pittura, Artista Pietro Dell’Aversana Vita di paese. Riflessi e trasparenze.                              Diamo a Cesare quel che e' di Cesare. Un'altra lodevole iniziativa del club amici rosatesi si e' svolta nel mese appena trascorso: la mostra personale del quarantacinquenne pittore campano Pietro Dell'Aversana. Numerosi i pezzi esposti, soprattutto olii, ma anche diversi disegni, alcuni schizzi e varie miniature. Piu' che di una vera e propria “scuola”, nel senso accademico del termine, ci vien fatto di parlare, a proposito di questo artista, di “mestiere”. Il mestiere si vede a volte in certi suoi aspetti un po' deteriori, nell'indulgere a un gusto un po' facile e scontato nel trattamento “di maniera” di certi soggetti abusati. Ma il “mestiere” emerge anche in un altro senso, del tutto positivo, come pratica reale della pittura, dimestichezza con le soluzioni formali piu' idonee a rendere le atmosfere dei soggetti rappresentati. Ci hanno colpito ,in particolare, certi esiti in cui sembrano riecheggiare stilemi conosciuti, come una natura morta con mimose che ha quasi il sapore del realismo guttusiano; o come certe marine limpide e squillanti in cui sembra di avvertire il sottile dettato descrittivo di certo vedutismo veneziano. Ma una cosa, sopra ogni altra, che ci ha colpito, ed e' la passione dell'artista per la poetica delle trasparenze, fatta di bagliori specchianti e di riflessi baluginanti,di luci azzurrine ed incerte, e, soprattutto, di tremolii, deformazioni, colori cangianti ed altre trasparenze acquatiche per le quali il pittore sembra avere una vera predilezione, con esiti di poesia che sono davvero convincenti. In somma, e' stato un vero piacere passeggiare tra le luci e le acque di Pietro Dell'Aversana; un'altra delle tante cose belle che rosate ci ha regalato in questo autunno che avanza.                                                                                            Anzio Cuvi